Mini 4wd alla 24 ore

Recentemente ho trovato il tempo per costruire un paio di modelli acquistati un’eternità fa.  Indipendentemente dalla bontà del risultato il solo fatto di passare del tempo a montarli e dipingerli mi stacca la mente e mi rilassa.
Si tratta di due modelli “particolari”. La SHADOW SHARK in versione “italia special”

e la TOYOTA TS050 Hybrid fresca ri-vincitrice della 24 ore

La prima è una versione “riconoscente” al mercato italiano (terzo mercato al mondo in fatto di mini4wd, dopo il mercato locale e quello asiatico) con livrea che riprende i colori di bandiera. Il fatto che sti Jappo si siano sbilanciati a tal punto non può che far piacere (d’altronde gli abbiamo riempito gli stiamo riempiendo il portafogli). Io ci avrei aggiunto una “n” nel titolo ma è anche vero che mastico l’inglese ad un livello da vergogna.

Del contenuto mi piacciono i cerchi antracite e le gomme verde strano. Vabbè il montaggio  è eseguito in modalità standard, ovvero modello uso scaffale, le piste sono un ricordo archeologico.

Si capisce che il modello sarà destinato solamente allo scaffale?
Si, si capisce. Perché con le gomme lasciate in quello stato non si andrebbe da nessuna parte…
Un pò di mascherature ed aeropenna,

Dice: ma passi il rosso sul rosso? che senso ha?
Lascia fare…

La seconda è una scatola di montaggio “insolita”, che nulla avrebbe a che fare col vero mondo delle mini (a meno che non si inizi a creare la categoria #riproduzioneautorealidacorsa) e proprio per questo mi attrattò [poetic].
Non sono mai stato un grande fan di “…ma siete proprio dei geni” e nemmeno dell’auto in sè, che ha vinto 2 volte correndo senza rivali (opinione personale), penso  che fondamentalmente il modello sia stato prodotto
1° perchè è una auto Jappo
2° perchè al volante c’era Nakajima, insieme ad altri due sconosciuti
Nella confezione spicca subito la carrozzeria in lexan in due parti

Ed un numero infinito di decals da appiccicare.
Tocco di classe: i passaruota pretagliati.
Si capisce che il lavoro è stato fatto in tempi diversi e più dilatati di un semplice report? Si, si capisce, perchè cambia la tovaglia.
Questa volta il tocco d’ aeropenna è ovviamente necessario

ed il risultato finale è abbastanza soddisfacente. A mio parere tutti quegli adesivi, oltretutto non facili da far combaciare anche se pretagliati alla perfezione, rendono l’estetica un po troppo confusa. Ma è una replica.
Vabbè, l’importante è che ne siano rimasti contenti anche loro.

 

Italian GT12 series R2 + JT Champ2019 R1: 30-31 Marzo

Oramai ci siamo e lo sanno anche i sassi che fra poco si dovranno ricollegare gli spinotti delle Lipo.
Per chi ancora non lo sapesse ecco qui le orecchie da asino e subito dietro la lavagn… ecco qui l’annuncio ufficiale:
Tutto lo staff JT è all’opera da tempo per definire al meglio tutti i dettagli affinchè possa essere disputato un GP all’altezza della situazione. Organizzare un evento indoor richiede ovviamente una maggior attenzione ai particolari rispetto ad uno dei nostri eventi “standard” sull’impianto permanente esterno, basti pensare che si eredità un palazzetto dello sport quando vi è da poco finito l’ultimo allenamento sportivo e lo si deve lasciare (nelle stesse condizioni) appena prima della riapertura al lunedì successivo;  ben venga quindi un qualsiasi livello di coinvolgimento e collaborazione fra i soci  e forza lavoro disponibile, sia per l’allestimento che per lo smantellamento.
I dettagli per le fasi operative verranno poi comunicati sotto data.
La manifestazione è patrocinata dall’ ACSI che ne ha ricavato un articolo sul proprio magazine di febbraio:

 

 

Il Punto

Nello specifico si intende il punto della situazione, all’apertura della gestione operativa con la stagione agonistica alle porte. Da non confondere con punto di svolta perché tutto filerà diritto come sempre è andato ma, come è opportuno che sia,  una breve esposizione del programma dell’attività, del calendario gare, dei regolamenti, delle quote associative ed un po tutte le novità che  è necessario portare a conoscenza (anche per la quota di soci che non erano presenti all’assemblea generale). Informazioni che saranno sempre presenti e consultabili su questo sito ufficiale, come sempre.
Punto primo: questo 2019 rappresenta il 15° anno di attività dell’associazione (nata nel 2005), un traguardo notevole vista la difficile realtà locale. Un’anniversario importante, frutto di un instancabile ed appassionato lavoro delle gestioni passate, di quelle più recenti (la regia manda in onda 5 min. di applausi registrati) fino a quella attuale; per allacciarci direttamente al Punto secondo e sapere quindi che il JT ha ora un direttivo parzialmente rinnovato: il presidente uscente, Claudio G. (che si è “auto” chiamato fuori dal suo incarico, dopo 5 anni ma che ovviamente comunque resta nell’orbita stretta JT e a cui va porto un lodevole ringraziamento per l’egregio lavoro svolto) lascia il posto al subentrante Mattia DO, rimane in carica Lorenzo C. in qualità di segretario e subentra Alessandro G. come tesoriere.
Risolta la pratica delle consegne, a maniche rimboccate, si procede con il Punto terzo, quello relativo alla definizione di tariffe e regolamenti nonchè calendario attività.
Per le news più interessanti, ovvero quella relative al primo appuntamento con il campionato che coincide anche con il RD2 della Italian GT12 Series e quella relativa allo Schumacher GP (entrambi APPUNTAMENTONI IMPERDIBILI, indoor, a BZ) si rimanda ai relativi articoli che usciranno a breve non appena definiti gli ultimi 12kg di dettagli.
Infine il Punto quarto è quella piccola icona blu in alto a sx che ci segue a distanza, relativa al link della nostra pagina su faccialibro per essere, come tutto il resto del mondo,  socialmente presenti

Punto

 

PREMIAZIONE CAMPIONATO 2018 e ….

Agg. 05/12/2018

Premiazione ANNULLATA

————————————————————————————

Drivers & Family buon giorno, ci siamo quasi. Il tempo è volato e Novembre ci è sfuggito come domeniche per trovare un location che ci permettesse di organizzare la premiazione di fine anno.

Andando al sodo e tralasciando i frozoli che li sposto a dopo, fissate  in agenda il doppio appuntamento:

>>> DOMENICA 9 DICEMBRE <<<<
è prevista la festa di premiazione del campionato con annessi Auguri di Buone Feste

Continua la lettura di PREMIAZIONE CAMPIONATO 2018 e ….

Italian Schumacher GP

La pista coperta in asfalto dell’ Angiolino MiniSpeedway a Remedello ha ospitato lo scorso weekend l’edizione inaugurale del  Schumacher GP Italia. L’evento si è svolto nelle classi GT12, Touring Car “Modified” e “Rookie”.  La cat. GT12 ha anche incluso il sesto e ultimo round della GT12 Series 2018 italiana che è stata arricchita anche dalla presenza di tre piloti del Team Schumacher: il campione nazionale britannico Andy Murray e i giovani e velocissimi Nathanael Goodban e George Brewer.

Continua la lettura di Italian Schumacher GP

Facebook
Facebook